prezzo

180 € 6200 € Applica

soggetto

dimensioni


42 cm 133 cm

46 cm 180 cm

3 cm 9 cm
Applica

ordina per

Natura Morta con Fiori Frutta e Zucche
ARARPI0150725
Natura Morta con Fiori Frutta e Zucche

ARARPI0150725
Natura Morta con Fiori Frutta e Zucche

Olio su tela. Scuola lombarda di fine '600-inizio '700. La ricca composizione propone un grande mazzo di fiori variopinti in un vaso sbalzato, vicino a due grosse zucche ea frutta mista (uva e pesche): con diverse intensità di colore, i vari elementi naturalistici emergono dallo sfondo completamente scuro, creando effetti di luci ed ombre. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice di inizio '900.

Contattaci

Contattaci
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino
ARARPI0132207
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino

ARARPI0132207
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino

Olio su tela. Scuola italiana del XVIII secolo. Rica composizione con bacile pieno di fiori variegati, fruttiera con pesche, una zucca tagliata e un cardellino che becchetta chicchi dal grappolo di uva poggiato sul tavolo. Fa parte di quella vasta produzione di nature morte composite che nel XVIII secolo, privata di ogni significato allegorico o simbolico, era volta prettamente ad uno scopo decorativo; riprendeva oggetti inanimati multipli, compositi, vivaci, spesso affiancati da un elemento vivente, un animaletto come il cardellino di quest'opera, che manteneva il legame con la vita e la quotidianità. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice in stile.

Prenotato

non disponibile

Prenotato
Luigi Bini
ARARNO0120465
Luigi Bini

Natura Morta con Uva Fichi e Mele 1932

ARARNO0120465
Luigi Bini

Natura Morta con Uva Fichi e Mele 1932

Olio su cartone telato. Firmato e datato in alto a destra. La composizione presenta frutti autunnali, uva e mele nel portafrutta in metallo sbalzato, fichi sulla tovaglietta. L'artista toscano Luigi Bini fu pittore, ceramista e scultore, che non si sentiva legato alle tecniche tradizionali ma amava sperimentarne di nuove. Le sue opere pittoriche, tra le quali prevalgono i ritratti e gli studi di figura, furono realizzate prevalentemente a pastello e a tempera per conseguire vivaci e morbidi passaggi cromatici mediante ampi tocchi di pennello. L'opera è presentata in cornice coeva.

Noleggia

113,00€

Noleggia
Natura Morta con Fiori Uva e Funghi
ARARPI0150724
Natura Morta con Fiori Uva e Funghi

ARARPI0150724
Natura Morta con Fiori Uva e Funghi

Olio su tela. Scuola lombarda di fine '600-inizio '700. La ricca composizione propone un grande mazzo di fiori variopinti in un vaso sbalzato, vicino a un ciotola piena di funghi porcini e ad un grappolo d'uva: con diverse intensità di colore, i vari elementi naturalistici emergono dallo sfondo completamente scuro, creando effetti di luci ed ombre. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice di inizio '900.

Contattaci

Contattaci
Coppia di Nature morte con Fiori e Frutta
ARARPI0098913
Coppia di Nature morte con Fiori e Frutta

ARARPI0098913
Coppia di Nature morte con Fiori e Frutta

Olio su cartoncino applicato su tela. Scuola italiana. Le due composizioni differiscono per gli elementi raffigurati: in una compaiono in primo piano alcuni frutti diversi (uva, fichi e pesche) con fiori variopinti; nell'altra, da un piatto in metallo si rovescia una cascata di frutta e fiori misti. Restaurate e ritelate, le opere necessitano di ulteriore pulizia. Sono presentate in cornici antiche riadattate, con alcune mancanze.

Noleggia

125,00€

Noleggia
Coppia di Nature Morte
ARARPI0112164
Coppia di Nature Morte

ARARPI0112164
Coppia di Nature Morte

Olio su tela. Provenienti da una collezione privata in cui erano riunite a pendant, le due composizioni sono in realtà differenti per manifattura e tecnica, oltre che per le dimensioni delle tele. La tela di dimensioni leggermente più grandi (71 x 91 cm), ad olio, propone due diversi cestini di vimini ricolmi d'uva bianca e rossa, contornati da altra frutta (pere e pesche) e con uno scoiattolino curioso che annusa l'aria; lo sfondo scuro è vuoto. La seconda tela (64 x 88 cm) è realizzata con la tecnica ad olio magro, che la rende molto vicina per effetto pittorico ad una tempera su tela; la composizione è fatta da fiori variegati e frutta (anguria, uva, pesche), ed è collocata in un ambiente esterno, seppur poco definito (le nuvole sulla sinistra). Entrambe le tele necessitano di pulizia; la prima presenta tracce di restauro precedente e ritelatura (rattoppo al retro), mentre la seconda, in prima tela molto lisa, presenta diffusissimi piccoli buchi e cadute di colore. Entrambe le opere sono presentate in cornici laccate bianche, seppur differenti per forma.

Noleggia

525,00€

Noleggia
Luigi Bini
ARARNO0120464
Luigi Bini

Natura Morta con Mele 1932

ARARNO0120464
Luigi Bini

Natura Morta con Mele 1932

Olio su compensato Firmato e datato in alto a destra. La composizione presenta diverse mele sul tavolo sparse insieme ad altri elementi: il piatto, la brocca e il bicchiere, il calice, alcuni vasetti. L'artista toscano Luigi Bini fu pittore, ceramista e scultore, che non si sentiva legato alle tecniche tradizionali ma amava sperimentarne di nuove. Le sue opere pittoriche, tra le quali prevalgono i ritratti e gli studi di figura, furono realizzate prevalentemente a pastello e a tempera per conseguire vivaci e morbidi passaggi cromatici mediante ampi tocchi di pennello. L'opera è presentata in cornice coeva.

Noleggia

113,00€

Noleggia
Walter Benoldi
ARARNO0120888
Walter Benoldi

Natura Morta Anni '40-'50

ARARNO0120888
Walter Benoldi

Natura Morta Anni '40-'50

Olio su tela. Firmato in alto a destra. La composizione, su uno sfondo di tendaggi, presenta a destra un cofanetto di gioielli, a sinistra una statuina a mezzo busto di una Madonna con il Bambino, davanti alla quale si trovano un disegno su carta e una ciotola in metallo decorato. La produzione pittorica di Walter Benoldi, pittore parmense, è caratterizzata da queste composizioni ricche di elementi differenti, tra i quali spesso è inserito un piccolo dipinto. L'opera è presentata in cornice dorata coeva.

Noleggia

100,00€

Noleggia
Natura Morta con Specchio Libro e Ceramica 1892
ARAROT0142803
Natura Morta con Specchio Libro e Ceramica 1892

ARAROT0142803
Natura Morta con Specchio Libro e Ceramica 1892

Acquarello su cartone. Al retro presenti la data 1892 e una firma non identificata. La composizione presenta una serie di oggetti appoggiati su un tavolinetto sormontato da uno specchio: due libri d cui uno aperto, un vaso in ceramica dipinta e un narghilè. E' presentato in cornice dorata a vassoio, del XIX secolo.

Noleggia

150,00€

Noleggia
Natura Morta con Frutta e Gallina
novità
ARARPI0112152
Natura Morta con Frutta e Gallina

ARARPI0112152
Natura Morta con Frutta e Gallina

Olio su tela. Scuola italiana. La composizione presenta un insieme di frutta (anguria, pere, pesche e melograni) e verdura (una grande zucca e dei cavolfiori a sinistra) poggiati liberamente su un ripiano; a destra, probabilmente in piedi sulla scaletta del pollaio che si intuisce appena, spicca una fiera gallinella. La composizione, già ritelata e restaurata, necessita di pulizia e restauro per lievi cadute di colore. E' presentata in cornice in stile.

Noleggia

450,00€

Noleggia
Giovan Francesco Gonzaga
ARARNO0146696
Giovan Francesco Gonzaga

Natura Morta 1948

ARARNO0146696
Giovan Francesco Gonzaga

Natura Morta 1948

Olio su tela. Firmato e datato in basso a sinistra. Artista milanese discendente da un ramo cadetto dei nobili Gonzaga mantovani, Giovan Francesco prese parte ancora ventenne alla Seconda Guerra Mondiale con il Savoia Cavalleria partecipando, con lo squadrone “Fantasma” ad azioni di pattuglia nella steppa russa. I mesi passati a strettissimo contatto con il cavallo durante la guerra, accesero in lui una vera e propria passione per i cavalli, che divennero soggetto privilegiato di numerosissimi dipinti, sculture e poesie. Artista autodidatta, dichiarò "la mia vera maestra è la Natura", e ad essa fedele, dopo i cavalli, si dedicò prevalentemente ai paesaggi e alle nature morte, sempre raffigurati “en plein air”. Ha scritto di lui Vittorio Sgarbi: "La sapienza di Giovan Francesco Gonzaga sta nel disegno, che è forte e deciso..... Le immagini vibrano di inquietudine, nel segno della lotta dell'uomo contro se stesso, nell'inferno di una storia che sembra ripetere sempre lo stesso dramma. Ma se il disegno preparatorio è mirabile, il colore di questo artista ha una regalità e una sensibilità che provengono da una percezione musicale della cromia, dove la tavolozza si esprime in improvvisi, in variazioni e in ritmi pulsanti". Le sue opere figurano in diversi musei, fra cui quello della Cavalleria di Pinerolo, il Museo Storico della Guardia di Finanza a Roma, il Museo di Tel Aviv, L'Art Museum di Los Angeles, in collezioni pubbliche e private in Italia, Francia, Spagna, Lussemburgo, Indonesia, Cina, Giappone, Singapore e America. In questa natura morta compaiono su un tavolino gli elementi di un momento della quotidianità, quello di un thé pomeridiano: due teiere in argento, la tazza con il cucchiaino e il tovagliolo di pizzo, un piattino con il limone che poggia su alcune foto; sulla parete di sfondo, rossa, una stampa in cornice. Spiccano il cromatismo intenso e la forza espressiva degli elementi. L'opera è presentata in cornice.

Noleggia

350,00€

Noleggia
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino
ARARPI0135936
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino

ARARPI0135936
Natura Morta con Fiori Frutta e Cardellino

Olio su tela. Nella bella composizione si vedono, appoggiati su una credenza di legno intarsiato, un cestino colmo di ciliegie, di cui alcune sparse sul piano, e un piatto colmo di ribes rosso, frammisti a foglie e a qualche fiorellino di ciliegio. Sul manico del cesto è appoggiato un cardellino; a incorniciare la composizione, sulla destra un grande mazzo di fiori variopinti in vaso, sulla sinistra un tendaggio rosso. Spiccano i colori vivaci dei frutti, dei fiori e della tenda, mentre il mobile d'appoggio si confonde con lo sfondo scuro, così come l'uccellino, distinguibile dallo sfondo scuro solo per il piumaggio bianco sulle ali e il contorno rosso degli occhietti. L'opera rientra nell' ampia produzione emiliana del XVII secolo di tale tipologia di soggetto, altamente decorativa. Il dipinto, restaurato e ritelato, presenta un cretto marcato e cadute di colore lungo i bordi.

Contattaci

Contattaci
Antonio Gianlisi attribuibile a
ARTPIT0001042
Antonio Gianlisi attribuibile a

Natura Morta

ARTPIT0001042
Antonio Gianlisi attribuibile a

Natura Morta

Olio su tela. La natura morta è localizzata nella camera privata di una ricca signora, dalla tipologia dei numerosi oggetti sparsi nell'ambiente, tra cui la camicia gettata sulla poltrona, i gioielli e il tavolo da toeletta con lo specchio, la frutta e un vassoio con brocca e bicchieri. Restaurato e ritelato, è presentato in cornice antica coeva.

Contattaci

Contattaci
Natura Morta con Fiori e Uccello
ARARPI0107501
Natura Morta con Fiori e Uccello

ARARPI0107501
Natura Morta con Fiori e Uccello

Olio su tela. La composizione floreale rientra nell'ampia produzione di tale soggetto che si diffuse in Italia e in Europa a partire dal XVII secolo, con scopi prettamente decorativi. Il dipinto qui proposto presenta tracce di restauri precedenti ed è stato ritelato, ma necessita di ulteriore pulizia. E' presentato in cornice antica rilaccata.

Noleggia

275,00€

Noleggia
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Aragosta Pesci e Ortaggi
ARARNO0165745
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Aragosta Pesci e Ortaggi

ARARNO0165745
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Aragosta Pesci e Ortaggi

Olio su tela. Firmato in alto a sinistra. Al retro ulteriore firma, localizzazione Roma e la data. Domenico Morelli e si formò nel clima del romanticismo. Fu paesaggista e pittore di genere, ma realizzò anche pregevoli nature morte, dagli accesi colori e dal disegno preciso e realistico. In questa composizione, al centro unna grande aragosta giace tra un gruppo di pesci a sinistra e alcuni ortaggi a destra, tra cui spiccano in particolare alcune rape; più sul retro, una brocca in ceramica verde e piante aromatiche il cui colore verde scuro sfuma a confondersi con lo sfondo brunito. IL dipinto è presentato in cornice in legno intagliato dell'inizio '900.

Prenotato

non disponibile

Prenotato
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Fagiani Melograni e Uva
ARAROT0165744
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Fagiani Melograni e Uva

ARAROT0165744
Natura Morta di Riccardo Pellegrini con Fagiani Melograni e Uva

Olio su tela. Firmato in alto a sinistra. Al retro ulteriore firma, localizzazione Roma e la data. Riccardo Pellegrini, pittore milanese, fu allievo di Domenico Morelli e si formò nel clima del romanticismo. Fu paesaggista e pittore di genere, ma realizzò anche pregevoli nature morte, dagli accesi colori e dal disegno preciso e realistico. In questa composizione, al centro due fagiani sono stesi circondati da melograni e grappoli di uva nera, mentre sullo sfondo a destra si intravvedono appena, grazie al riflesso di luce, due bottiglie di vino. Il dipinto è presentato in cornice in legno intagliato di inizio '900.

Prenotato

non disponibile

Prenotato
Natura Morta con Strumenti Musicali di Adriano Gajoni
ARARCO0162592
Natura Morta con Strumenti Musicali di Adriano Gajoni

ARARCO0162592
Natura Morta con Strumenti Musicali di Adriano Gajoni

Olio su faesite. Firmato in alto a destra. Nato a Milano nel 1913, e formatosi all'Accademia di Brera (di cui in seguito diverrà insegnante), Adriano Gajoni si appassionò allo studio dei pittori seicentisti lombardi e alla pittura olandese e fiamminga del XVII secolo, dal cui minuzioso realismo si lasciò ispirare. Di stretta osservanza figurativa, Il Gajoni predilesse i paesaggi, i ritratti e soprattutto le nature morte, che espresse in composizioni fiabesche e allegoriche. Praticò soprattutto la pittura a olio su legno e faesite. Questo dipinto propone una composizione di due strumenti musicali, un violino ed un mandolino, su un tavolo insieme ad un libro aperto. In cornice.

Noleggia

45,00€

Noleggia
Giovan Francesco Gonzaga
ARARNO0146697
Giovan Francesco Gonzaga

La Coccoma Blu 1960

ARARNO0146697
Giovan Francesco Gonzaga

La Coccoma Blu 1960

Olio su tela. Firmato e datato in basso a sinistra. Al retro ulteriore firma, data e il titolo. Artista milanese discendente da un ramo cadetto dei nobili Gonzaga mantovani, Giovan Francesco prese parte ancora ventenne alla Seconda Guerra Mondiale con il Savoia Cavalleria partecipando, con lo squadrone “Fantasma” ad azioni di pattuglia nella steppa russa. I mesi passati a strettissimo contatto con il cavallo durante la guerra, accesero in lui una vera e propria passione per i cavalli, che divennero soggetto privilegiato di numerosissimi dipinti, sculture e poesie. Artista autodidatta, dichiarò "la mia vera maestra è la Natura", e ad essa fedele, dopo i cavalli, si dedicò prevalentemente ai paesaggi e alle nature morte, sempre raffigurati “en plein air”. Ha scritto di lui Vittorio Sgarbi: "La sapienza di Giovan Francesco Gonzaga sta nel disegno, che è forte e deciso..... Le immagini vibrano di inquietudine, nel segno della lotta dell'uomo contro se stesso, nell'inferno di una storia che sembra ripetere sempre lo stesso dramma. Ma se il disegno preparatorio è mirabile, il colore di questo artista ha una regalità e una sensibilità che provengono da una percezione musicale della cromia, dove la tavolozza si esprime in improvvisi, in variazioni e in ritmi pulsanti". Le sue opere figurano in diversi musei, fra cui quello della Cavalleria di Pinerolo, il Museo Storico della Guardia di Finanza a Roma, il Museo di Tel Aviv, L'Art Museum di Los Angeles, in collezioni pubbliche e private in Italia, Francia, Spagna, Lussemburgo, Indonesia, Cina, Giappone, Singapore e America. In questa natura morta si esaltano soprattutto i cromatismi: i tre elementi - la coccoma blu, ovvero una brocca smaltata, un limone tagliato e un bicchiere di latte -, ben distanziati tra loro e proposti in colori contrastanti, spiccano sulle due tonalità dei verde dello sfondo. L'opera è presentata in cornice.

Noleggia

275,00€

Noleggia
Carlo Antonio Crespi
ARARPI0141146
Carlo Antonio Crespi

Natura Morta con Fiori Frutta un Pappagallo e Cacciagione

ARARPI0141146
Carlo Antonio Crespi

Natura Morta con Fiori Frutta un Pappagallo e Cacciagione

Olio su tela. La grande composizione è ricca di numerosi elementi differenti: al centro campeggia una grande composizione floreale, di multiple varietà a colori vivaci; sulla sinistra dei fiori, poggiato su un capitello dorico, è appoggiato un pappagallino dai colori sgargianti e contrastanti con quelli spenti degli uccelli che giacciono sul piano sottostante, insieme ad alcune zucche e ad un vaso in peltro. Secondo l'esperto d'arte dr. Gianluca Bocchi (di cuisi allega expertise), l'opera è riconducibile alla produzione di Carlo Antonio Crespi, pittore attivo a Como intorno alla metà del XVIII secolo, della stessa famiglia Crespi a cui appartiene anche l'omonimo bolognese. Il Crespi comasco amava realizzare composizioni con i prodotti della fertile terra padana, in compagnia di piccoli animali, ceramiche o ceste in vimini, vasi di fiori, il tutto sullo sfondo di elementi architettonici barocchi o classicheggianti. Le sue tele, spesso di grandi dimensioni, riconducono al mondo delle ville e dei palazzi della campagna settecentesca lombarda. Il dipinto, restaurato e ritelato, è presentato in cornice in stile. Proviene da importante collezione (sul retro è citato il commendatore Arturo Stucchi, imprenditore comasco).

Contattaci

Contattaci
Walter Benoldi
ARARNO0120466
Walter Benoldi

Natura morta con Mimose e Violino 1934

ARARNO0120466
Walter Benoldi

Natura morta con Mimose e Violino 1934

Olio su tela. Firmato e datato in alto a destra. La grande composizione propone, in un angolo interno ricco di drappeggi e tessuti, un vaso pieno di mimose, che insieme ad altro vaso vuoto poggia su una piccola tela pittorica dipinta con composizione astratta; sulla sinistra della tela è appoggiato un violino con il suo archetto. La produzione pittorica di Walter Benoldi, pittore parmense, è caratterizzata da queste composizioni ricche di elementi differenti, tra i quali ricorrono spesso gli strumenti musicali. L'opera è presentata in cornice coeva.

Noleggia

275,00€

Noleggia