Credenza Neorinascimento

Italia Fine XIX Secolo

Codice :  ANMOST0163088

non disponibile
Credenza Neorinascimento

Italia Fine XIX Secolo

Codice :  ANMOST0163088

non disponibile

Credenza Neorinascimento - Italia Fine XIX Secolo

Caratteristiche

Italia Fine XIX Secolo

Stile:  Neorinascimento (1820-1890)

Epoca:  XIX Secolo - dal 1801 al 1900

Origine:  Italia

Essenza principale:  Cirmolo Faggio

Materiale:  Legno Intagliato

Descrizione

Credenza neorinascimento in faggio e cirmolo, riccamente intagliata, Italia fine XIX secolo. Alzata ornata da coppia di grifoni laterali a tutto tondo e da pannelli con puttini in atteggiamenti festosi e agresti, coppia di cassetti nella fascia, 2 ante pannellate intagliate inquadrate entro 3 lesene a telamoni poste sul fronte. Piedi a mensola intagliati ritraenti mascheroni.

Condizione prodotto:
Prodotto che a causa dell'età e dell'usura può richiedere interventi di restauro e ripresa della lucidatura.

Dimensioni (cm):
Altezza: 134
Larghezza: 161,5
Profondità: 62

Informazioni aggiuntive

Stile: Neorinascimento (1820-1890)

Ripresa e rivalutazione ottocentesca di forme e stilemi tipiche del Rinascimento.
Scopri di più con gli approfondimenti del nostro blog:
Classic Monday: una credenza neorinascimentale in dialogo con il passato
Il dizionario dell'antiquariato - Savonarola

Epoca: XIX Secolo - dal 1801 al 1900

Essenza principale:

Cirmolo

La parola Cirmolo origina nei dialetti lombardi e indica il legno prodotto dal cembro, conifera che cresce nelle Alpi sopra i 1600 metri. Si tratta di un legno rossastro con peculiari nodi. È un legno morbido, usato per intagli o mobili rustici o per i mobili laccati dei mobilieri veneti.

Faggio

Si tratta di un legno semiduro che, purtroppo, si tarla facilmente, quindi viene considerato povero. Per le sue tonalità chiare ma variegate, dal biondo al rossiccio, fu comunque apprezzato dagli ebanisti francesi. Venne impiegato soprattutto per le strutture dei mobili o, in alternativa al noce, da parte dei mobilieri inglesi di provincia per opere popolari, più che altro nel '700. L'utilizzo più nobile lo si deve a Thonèt, che applicò la piegatura a vapore del faggio nella realizzazione dei mobili, in particolare per le sedie che presero il suo nome.

Materiale: Legno Intagliato

Proposte alternative
Potrebbe interessarti anche