prezzo

200 € 9800 € Applica

soggetto

dimensioni


19 cm 120 cm

19 cm 213 cm

1 cm 51 cm
Applica

ordina per

Dipinto firmato Oscar Ricciardi
ARAROT0188151
Dipinto firmato Oscar Ricciardi

Impressione di Napoli Vecchia 1933

ARAROT0188151
Dipinto firmato Oscar Ricciardi

Impressione di Napoli Vecchia 1933

Olio su tela. Firmato e datato in basso a sinistra. Ricciardi fu un prolifico pittore napoletano considerato da alcuni la testa di serie dell'impressionismo partenopeo; egli dipinse come soggetti principali marine, spiagge, scorci, paesaggi e usi e costumi napoletani della sua città. Nelle sue opere il cromatismo intenso, lo studio dal vero, l'abbandono del disegno e la luce limpida e tersa che pervade le scene, rivelano la conoscenza dell'Impressionismo, dovuta alla presenza a Napoli di Giuseppe De Nittis. Questo scorcio di Napoli è stato più volte replicato dall'artista, ed in una di tali opere compare anche il titolo "Impressione di Napoli vecchia", qui assente. E' uno scorcio intenso di atmosfera di una vecchia via popolare napoletana, animata da un mercato popolato da figure umane, con i vecchi muri scrostati addobbati di panni stesi e fioriere. L'opera è piuttosto buia, prevale un monocromatismo bruno, interrotto solo dai colori più vivaci delle figure umane; l' unica fonte di luce viene dalle luci artificiali accese nel negozio in fondo alla strada. L'opera presenta un lieve danno in alto a destra (piccolo taglio della tela). E' presentata in cornice coeva.

Noleggia

170,00€

Noleggia
Gaetano Valbusa
ARARNO0157879
Gaetano Valbusa

Scorcio di Paese Innevato

ARARNO0157879
Gaetano Valbusa

Scorcio di Paese Innevato

Olio su faesite. Firmato in basso a destra. Nato nel 1905, Gaetano Valbusa lavorò per oltre quarant'anni come operaio nelle Officine Meccaniche bresciane, fino alla pensione, dedicandosi alla pittura solo come passione. Paesaggista, grazie alle trasferte di lavoro potè ritrarre "en plein air" scorci di tutto il mondo, anche se gli scorci dei luoghi bresciani sono il soggetto più ricorrente. Affiliato alla Associazione Artisti Bresciani, potè esporre le sue opere e farsi conoscere dalla critica. Nelle sue tele i paesaggi sono permeati di grande serenità e tranquillità, elegia di ricordi sereni di vita vissuta. Lo scorcio qui proposto è presentato in cornice.

Noleggia

85,00€

Noleggia
Attilio Pratella ambito di
ARARNO0093748
Attilio Pratella ambito di

Veduta Costiera della Baia di Napoli

ARARNO0093748
Attilio Pratella ambito di

Veduta Costiera della Baia di Napoli

Olio su tela. Firmato Att. Pratella in basso a destra. Al retro dichiarazione di attribuzione al paesaggista napoletano. Il soggetto è molto vicino alla produzione di Pratella, che predilesse le marine della baia di Napoli, sua città natale. Rientra peraltro in quell'ampio numero di dipinti la cui attribuzione è incerta, per una qualità stilistica non conforme alla mano del Pratella. Comunque di buona qualità e gradevole nell'atmosfera, il dipinto è presentato in cornice.

Noleggia

75,00€

Noleggia
Pierluigi Rolando
ARARCO0114351
Pierluigi Rolando

Citadel 2001

ARARCO0114351
Pierluigi Rolando

Citadel 2001

Scultura a tecnica mista: ferro, legno e fotografie. Designer di fama internazionale, Pierluigi Rolando, laureato in ingegneria tessile e affermatosi primariamente nell'industria tessile del cashmere nell'azienda di famiglia, crea capi da lui stesso definiti “sculture in cashmere modellate sul corpo umano”. All'inizio degli anni '70 passa al design con collezioni per lo sport attivo e contribuisce alla nascita della Fila. Nel tempo libero alterna interessi scultorei a interessi pittorici; inventa figure in polistirolo espanso e collages in legno, cartone e materiali vari. Ma la scultura è da sempre la sua grande passione: per quarant'anni l'arte è “vissuta istericamente nei ritagli di tempo", ma dal 1993 Rolando sceglie di dedicarsi interamente solo ad essa. Utilizzando materiali diversi come terracotta, ferro di recupero, legno, propone soggetti vari, con volti grotteschi dalle espressioni tese e sofferenti, mani forti e caricaturali, simboli di antiche ed eroiche gesta di un'epoca lontana, personaggi delle religioni e della mitologia. Il suo universo visionario è popolato da guerrieri, condottieri ed imperatori, cavalli-totem e creature immaginarie; la sua arte è suggestiva, fiabesca, incantata. La cittadella qui presentata, che ben esprime questa passione per la mescolanza di materiali molto diversi tra loro, è stata creata dopo il tragico crollo delle Torri gemelle di New York, nel settembre 2001: le due torri, simboli della modernità, si ergono ancora intatte all'interno di una lastra di metallo contorta e di degrado e disfacimento, realizzato attraverso una lastra di metallo contorta. La scultura è presentata in teca in plexiglas.

Noleggia

525,00€

Noleggia
Antonio Coppola
ARAROT0128703
Antonio Coppola

Scorcio di Paestum

ARAROT0128703
Antonio Coppola

Scorcio di Paestum

Gouache su cartone. Firmato in basso a destra da antonio coppola. Lo scorcio della campagna al tempio di Paestum, con un carro e il suo contadino in primo piano. E' presentato in cornice dorata di fine '800.

Noleggia

135,00€

Noleggia
Copia del XX secolo di Dipinto del Canaletto
ARARNO0178550
Copia del XX secolo di Dipinto del Canaletto

Veduta di Vienna dal Belvedere

ARARNO0178550
Copia del XX secolo di Dipinto del Canaletto

Veduta di Vienna dal Belvedere

Tecnica mista (acrilici e oli) su tela. Produzione anni '60-'70. Si tratta di una copia di una delle tante vedute di Vienna realizzate Bernardo Bellotto, più noto come il Canaletto, tra il 1758 e il l1761, e conservato al Kunsthistorisches Museum di Vienna. La grande veduta, animata da numerose figure secondo lo stile proprio della pittura veneta del '700 e del Canaletto in particolare, è presa dal Belvedere superiore del palazzo omonimo, residenza estiva del principe Eugenio di Savoia, costruito su un'altura al sud del centro della città. Nella veduta compaiono in secondo piano dietro i giardini una serie di grandi edifici barocchi, in particolare da sinistra a destra: a sinistra dritta con la sua cupola monumentale è la Karlskirche (Chiesa di San Carlo Borromeo), il Palazzo Schwarzenberg con le sue proporzioni esagerate, l'Orangerie e il Belvedere Inferiore del Palazzo. Infine sulla destra c'è il Convento Salesiano. Dietro di essi, ancora più in là sullo sfondo, si può vedere il centro della città con le sue fortificazioni e le guglie della Stephansdom (la cattedrale di Santo Stefano). Il dipinto è presentato in cornice della prima metà del '900. .

Prenotato

non disponibile

Prenotato
Dipinto con Scorcio di Canale Veneziano di Ezio Pa
ARARNO0186791
Dipinto con Scorcio di Canale Veneziano di Ezio Pa

ARARNO0186791
Dipinto con Scorcio di Canale Veneziano di Ezio Pa

Pastelli su carta. Firmato in basso a destra. Pur con le caratteristiche sfumature e i contorni indefiniti, in questo scorcio di una calle veneziana, con le caratteristiche gondole, Pastorio esalta i contrasti cromatici, utilizzando diversi colori vivaci e allegri, che danno vitalità e leggerezza alla veduta. Ezio Pastorio, cremonese di origine ma dopo gli studi trapiantato in Valseriana, è considerato "un grande maestro del '900 italiano, che ha saputo rinnovare il linguaggio artistico del paesaggio pur mantenendo un forte legame con la pittura dell'800". La sua produzione è di stampo post-impressionista, soprattutto nell'ampia produzione paesaggistica che raffigura la pianura padana e bergamasca, la laguna veneziana e alcuni scorci parigini, ammirati durante alcuni viaggi. Nelle sue opere Pastorio realizza atmosfere suggestive utilizzando gamme infinite di colori, che si armonizzano e a volte anche si contrastano, ma sempre presentati come una trasparenza che annulla la staticità della rappresentazione e con una delicatezza che esprime la sua devota religiosità nei confronti della natura e del creato. L'opera, proveniente da collezione privata, è presentata in cornice.

Noleggia

95,00€

Noleggia
Rodolfo Paoletti
ARARNO0120887
Rodolfo Paoletti

Scorcio veneziano con Maschere e Ponte

ARARNO0120887
Rodolfo Paoletti

Scorcio veneziano con Maschere e Ponte

Olio su compensato. Firmato in basso a destra. Veduta di un ponte che sormonta un canale in mezzo alla vegetazione; sopra di esso delle figure in maschera, al di sotto transita una gondola. Nato e formatosi artisticamente a Venezia, da famiglia di artisti, Paoletti si trasferì successivamente a Milano, ove continuò la sua carriera dedicandosi, oltre che alla pittura, all'illustrazione di riviste. Il tema veneziano rimase peraltro ricorrente nella sua produzione pittorica: mantenendo il legame con la pittura vedutista veneziana di fine '800, Paoletti traduce in forme di colore e luce gli scorci della sua città. In cornice coeva.

Noleggia

160,00€

Noleggia
Giovanni Riva
ARARNO0149575
Giovanni Riva

Scorcio Veneziano

ARARNO0149575
Giovanni Riva

Scorcio Veneziano

Olio su tela. Firmato in basso a destra. Pittore, scultore e ceramista, l'artista torinese Giovanni Riva partecipò a numerose rassegne e mostre nazionali, tra cui la Biennale di Venezia dwel1940 e 1942. Tra la sua produzione di ceramista si ricordano in particolare i volti di molte bambole Lenci. In pittura si dedicò soprattutto a scorci di Torino, Milano e Venezia, resi con grande spontaneità e immediatezza, oltre che a scene di genere. Lo studio sistematico dell'arte antica, l'adesione agli ideali rinascimentali della scultura di Donatello, Michelangelo e Giambologna spinsero Giovanni Riva verso l'adozione di un codice espressivo affine al gusto dell'Ottocento romantico, piuttosto che al dinamismo futurista o alle visioni surrealiste. Lo scorcio veneziano qui proposto è presentato in cornice in stile.

Noleggia

188,00€

Noleggia
Dipinto di Paolo Fiorentino
ARARCO0186953
Dipinto di Paolo Fiorentino

Nuvole Sospese 1993

ARARCO0186953
Dipinto di Paolo Fiorentino

Nuvole Sospese 1993

Olio su tavola. Al retro presenti la firma, la data, il titolo dell'opera e le sue caratteristiche tecniche. L'opera è ben rappresentativa della produzione dell'artista romano Paolo Fiorentino, la cui ricerca pittorica fu sempre attenta alla forma, agli edifici, all'architettura con particolare attenzione alle suggestioni di quella prodotta in Italia, e non solo, tra le due guerre. Su sfondi a tinta unita si stagliano sospesi i suoi edifici dalle linee geometriche e dalle superfici opache o lucide. Sono gli elementi urbani dell'immaginazione collettiva, che nei dipinti di Fiorentino paiono reali e onirici allo stesso tempo, se non metafisici.

Noleggia

200,00€

Noleggia
Veduta dei Fori Imperiali di Roma
SELECTED
SELECTED
ARARPI0132735
Veduta dei Fori Imperiali di Roma

ARARPI0132735
Veduta dei Fori Imperiali di Roma

Olio su tela. L'ampia veduta dei Fori imperiali di Roma rientra nella vasta produzione vedutistica del periodo del Grand Tour, destinata ai ricchi aristocratici europei in viaggio per l'Europa - e in particolare in Italia, ove Roma era considerata meta obbligata -, che volevano un ricordo dei luoghi visitati. I Fori Imperiali romani sono un complesso architettonico composto da una serie di edifici e piazze monumentali, centro dell'attività politica di Roma antica, edificate in un periodo di circa 150 anni, tra il 46 a.C. e il 113 d.C. Nonostante gli ampliamenti, gli incendi, i restauri e le ricostruzioni, nel corso dell'Antichità i Fori Imperiali mantennero intatte sia la loro conformazione architettonica che la loro funzione. La loro distruzione quasi definitiva avvenne durante il Rinascimento per mano di Papa Giulio II (1503-1513), che sfruttò tutta l'area come cava di materiali da riutilizzare nel progetto di rinnovamento edilizio e artistico della città da lui avviato. A poco valsero le proteste di artisti di primo piano come Raffaello e Michelangelo. Nei secoli successivi furono intraprese varie campagne di scavo, con maggiore vigore a partire dal XIX secolo, ma l'area fu completamente scavata agli inizi del XX secolo e le architetture antiche furono quasi del tutto cancellate per fare spazio alla realizzazione di via dei Fori Imperiali, che collega Piazza Venezia con il Colosseo. Il Foro fu riscoperto a partire dal Cinquecento anche grazie ai pittori di vedute romane che in quel periodo amavano dipingere le rovine affioranti nell'area del pascolo. La veduta qui proposta presenta i Fori Imperiali prima degli scavi iniziati nell'Ottocento, quando appunto ancora non era stata realizzata la via che li attraversa tuttora: essi sono ancora circondati da una verde campagna e sullo sfondo si stagliano i colli romani. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice dell' 800 riadattata.

Contattaci

Contattaci
Due Gouache con Vedute Napoletane
ARAROT0182451
Due Gouache con Vedute Napoletane

ARAROT0182451
Due Gouache con Vedute Napoletane

Gouache su carta. I due piccoli dipinti propongono vedute napoletane, identificate dalle scritte in basso: a sinistra l'eruzione del Vesuvio del 1794, a destra l'ingresso delle Grotte di Pozzuoli. Opere tipiche da Grand tour, praticamente delle cartoline delicate e dettagliate nei particolari. Sono presentate in cornice unica.

Noleggia

140,00€

Noleggia
Dipinto di Enrico Intraina con Scorcio Milanese
ARARNO0182454
Dipinto di Enrico Intraina con Scorcio Milanese

ARARNO0182454
Dipinto di Enrico Intraina con Scorcio Milanese

Olio su tavola. Firmato in basso a destra. Al retro il titolo e la localizzazione. Enrico Intraina fu artista milanese che si produsse prevalentemente in paesaggi e scorci dei suoi luoghi, mantenendosi legato al Naturalismo lombardo. Il dipinto è presentato in cornice coeva.

Noleggia

50,00€

Noleggia
Natale Gavagnin
ARARNO0131522
Natale Gavagnin

Venezia Scorcio Lagunare

ARARNO0131522
Natale Gavagnin

Venezia Scorcio Lagunare

Acquarello su cartone. Firmato in basso a sinistra. Suggestivo scorcio della laguna veneziana, con barche di pescatori in primo piano e lo skyline della città di sfondo. Natale Gavagnin, nato a Venezia e formatosi all'Accademia veneziana, si dedicò prevalentemente al paesaggio, e soprattutto a quello della sua città e della laguna. Espose prevalentemente alle mostre di Venezia e di Milano. Il quadro è presentato in cornice in stile. In buone condizioni l'acquarello, presenti gore di umidità sul passepartout.

Noleggia

70,00€

Noleggia
Dipinto Scorcio di Venezia di Ezio Pastorio
ARARNO0186828
Dipinto Scorcio di Venezia di Ezio Pastorio

ARARNO0186828
Dipinto Scorcio di Venezia di Ezio Pastorio

Olio su tela. Firmato in basso a destra .Al retro è presente etichetta di partecipazione alla esposizione di pittura italiana contemporanea del 1960 a Milano, organizzata dalla Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano. Si tratta di un ampio scorcio della città di Venezia, preso da uno delle isole antistanti, di cui si vedono alcune barche ormeggiate al molo; la scena è divisa orizzontalmente in modo piuttosto netto in due parti, dallo sky line centrale della città: al di sopra il cielo, sfumato in tonalità azzurro-grigie, al di sotto il mare, dalle sfumature invece viranti al verde. L'atmosfera è tersa, di quiete assoluta, di immobilità. Ezio Pastorio, cremonese di origine ma dopo gli studi trapiantato in Valseriana, è considerato "un grande maestro del '900 italiano, che ha saputo rinnovare il linguaggio artistico del paesaggio pur mantenendo un forte legame con la pittura dell'800". La sua produzione è di stampo post-impressionista, soprattutto nell'ampia produzione paesaggistica che raffigura la pianura padana e bergamasca, la laguna veneziana e alcuni scorci parigini, ammirati durante alcuni viaggi. Nelle sue opere Pastorio realizza atmosfere suggestive utilizzando gamme infinite di colori, che si armonizzano e a volte anche si contrastano, ma sempre presentati come una trasparenza che annulla la staticità della rappresentazione e con una delicatezza che esprime la sua devota religiosità nei confronti della natura e del creato. L'opera, proveniente da collezione privata, è presentata in cornice.

Noleggia

240,00€

Noleggia
Dipinto di Pino Ponti
ARARCO0172731
Dipinto di Pino Ponti

Scorcio Veneziano 1940

ARARCO0172731
Dipinto di Pino Ponti

Scorcio Veneziano 1940

Olio su faesite. Firmato e datato in basso a destra. Il dipinto rientra nella produzione realista degli anni '30-'40 di Pino Ponti, artista veneziano formatosi all'Accademia con Virgilio Guidi. In questa fase la sua pittura propone una rappresentazione della realtà apparentemente leggera e improvvisata, e invece studiosamente elaborata e ambigua. Dopo la guerra, a cui Pino Ponti partecipa da partigiano, la sua pittura si fa drammatica, di denuncia, caratterizzata dalla presenza di forme scarne, ma pervasa da una certa inquietudine e da accenti grotteschi. Il dipinto è presentato in cornice.

Noleggia

150,00€

Noleggia
Alfonso Corradi
ARARNO0141439
Alfonso Corradi

Milano via Olmetto 1943

ARARNO0141439
Alfonso Corradi

Milano via Olmetto 1943

Olio su cartone. Firmato in basso a sinistra. Al retro presente il nome con il titolo, che ubica il piccolo scorcio a Milano, in via Olmetto. Alfonso Corradi, nato in Emilia ma formatosi e vissuto poi a Milano, fu studente di ornato all'Accademia di Brera e per alcuni anni si dedicò anche alla scenografia. Si specializzò nel paesaggio e intraprese una carriera espositiva concentrata soprattutto a Milano. Il soggetto qui proposto è un bozzetto di uno scorcio milanese devastato dalla guerra, come denunciano cumuli di macerie lungo la strada e le facciate sventrate dei palazzi. In cornice.

Noleggia

105,00€

Noleggia