prezzo

200 € 9800 € Applica

soggetto

dimensioni


21 cm 120 cm

19 cm 150 cm

2 cm 51 cm
Applica

ordina per

Scorcio Portuale
ARARNO0118043
Scorcio Portuale

ARARNO0118043
Scorcio Portuale

Olio su tela. Firmato S. Ronzoni in basso a destra. L'artista propone una veduta presso il porto, con barchette ormeggiate alla banchina e i marinai intenti a caricare a spalla le merci; i tratti pittorici sono a pennellate larghe e senza contorni, i colori in poche gamme che sfumano le une nelle altre a creare un'atmosfera sospesa. Il dipinto è presentato in cornice in stile, con mancanze.

Noleggia

135,00€

Noleggia
Rodolfo Paoletti
ARARNO0120480
Rodolfo Paoletti

Gondole a Venezia

ARARNO0120480
Rodolfo Paoletti

Gondole a Venezia

Olio su compensato. Firmato in basso a destra. Scorcio di calle veneziana con gondola che parte dal piccolo molo. Nato e formatosi artisticamente a Venezia, da famiglia di artisti, Paoletti si trasferì successivamente a Milano, ove continuò la sua carriera dedicandosi, oltre che alla pittura, all'illustrazione di riviste. Il tema veneziano rimase peraltro ricorrente nella sua produzione pittorica: mantenendo il legame con la pittura vedutista veneziana di fine '800, Paoletti traduce in forme di colore e luce gli scorci della sua città. In cornice coeva.

Noleggia

185,00€

Noleggia
Alessandro Papetti
SELECTED
SELECTED
ARTCON0000751
Alessandro Papetti

Molo 12, 2014

ARTCON0000751
Alessandro Papetti

Molo 12, 2014

Olio su tela. Firmato e datato in basso a destra. Ulteriore firma, data e titolo al retro. Nato e formatosi a Milano, dove tuttora lavora, Alessandro Papetti ha cominciato sin dagli anni '80 e continua tuttora ad esporre in mostre e gallerie prima in Italia e poi all'estero, sia in Europa che negli Stati Uniti. Dal 1995 la sua attività si svolge tra Milano e Parigi. La produzione artistica di Papetti si è svolta per tematiche: partito con la serie di Ritratti negli anni '80 e '90, si è dedicato successivamente, nel XXI secolo, ai Reperti (interni di fabbrica) e all'Archeologia industriale, al ciclo dell'Acqua, per approdare poi ai Paesaggi, agli Interni e alla serie dei Cantieri navali, a cui appartiene l'opera proposta. Porti industriali, bacini di carenaggio e giganteschi scafi, corpi di navi espressi nella loro grandezza e nella loro fragilità, vengono presentati attraverso pennellate frenetiche e pastose, a tratti materiche, con l'intento di "uscire" dalla realtà, di porsi nei confronti del “contenitore” con un atteggiamento psicologico differente, a ricercare una dimensione dell'esistenza inafferrabile. L'opera è presentata in cornice.

Contattaci

Contattaci
Attilio Pratella ambito di
ARARNO0093748
Attilio Pratella ambito di

Veduta Costiera della Baia di Napoli

ARARNO0093748
Attilio Pratella ambito di

Veduta Costiera della Baia di Napoli

Olio su tela. Firmato Att. Pratella in basso a destra. Al retro dichiarazione di attribuzione al paesaggista napoletano. Il soggetto è molto vicino alla produzione di Pratella, che predilesse le marine della baia di Napoli, sua città natale. Rientra peraltro in quell'ampio numero di dipinti la cui attribuzione è incerta, per una qualità stilistica non conforme alla mano del Pratella. Comunque di buona qualità e gradevole nell'atmosfera, il dipinto è presentato in cornice.

Noleggia

115,00€

Noleggia
Antonio Guarino
ARARNO0159684
Antonio Guarino

Barche colorate Porticello 1929

ARARNO0159684
Antonio Guarino

Barche colorate Porticello 1929

Olio su tavola. Al retro cartiglio con la firma dell'autore, il titolo, la localizzazione e la data. Nato in Sicilia nel 1882, ma formatosi artisticamente negli USA ove si era trasferito ancora bambino con la famiglia, Guarino fu pittore e incisore, che dipinse con ampie pennellate e colori decisi i luoghi della sua vita. L'opera è presentata in cornice coeva.

Prenotato

non disponibile

Prenotato
Gaetano Valbusa
ARARNO0157879
Gaetano Valbusa

Scorcio di Paese Innevato

ARARNO0157879
Gaetano Valbusa

Scorcio di Paese Innevato

Olio su faesite. Firmato in basso a destra. Nato nel 1905, Gaetano Valbusa lavorò per oltre quarant'anni come operaio nelle Officine Meccaniche bresciane, fino alla pensione, dedicandosi alla pittura solo come passione. Paesaggista, grazie alle trasferte di lavoro potè ritrarre "en plein air" scorci di tutto il mondo, anche se gli scorci dei luoghi bresciani sono il soggetto più ricorrente. Affiliato alla Associazione Artisti Bresciani, potè esporre le sue opere e farsi conoscere dalla critica. Nelle sue tele i paesaggi sono permeati di grande serenità e tranquillità, elegia di ricordi sereni di vita vissuta. Lo scorcio qui proposto è presentato in cornice.

Noleggia

85,00€

Noleggia
Oscar Ricciardi
ARARNO0135525
Oscar Ricciardi

Mercato di Fiori S. Lucia

ARARNO0135525
Oscar Ricciardi

Mercato di Fiori S. Lucia

Olio su tavola. Firmato in basso a destra. Al retro il titolo a matita. E' un vivace e intenso scorcio del Pallonetto di S. Lucia, il noto vicolo napoletano terrazzato che, insieme a quelli di San Liborio e di Santa Chiara costituisce i tre Pallonetti di Napoli; suggestivi e peculiari i contrasti di luci e colori Oscar Ricciardi fu un prolifico pittore napoletano considerato da alcuni la testa dell'impressionismo napoletano; egli dipinse come soggetti principali marine, spiagge, scorci, paesaggi e usi e costumi napoletani della sua città. Nelle sue opere il cromatismo intenso, lo studio dal vero, l'abbandono del disegno e la luce limpida e tersa che pervade le scene, rivelano la conoscenza dell'Impressionismo, dovuta alla presenza a Napoli di Giuseppe De Nittis. Il dipinto è presentato in cornice dorata di inizio '900.

Noleggia

300,00€

Noleggia
Antonio Coppola
ARAROT0128703
Antonio Coppola

Scorcio di Paestum

ARAROT0128703
Antonio Coppola

Scorcio di Paestum

Gouache su cartone. Firmato in basso a destra. Il pittore napoletano Antonio Coppola frequentò i corsi all'Istituto di Belle Arti di Napoli. Fu buon temperista ed eseguì con facilità e con effetto marine e vedute di Napoli, con una produzione ricercata soprattutto dai forestieri e dai turisti. Lo scorcio propone la campagna intorno al tempio di Paestum, con un carro di fieno e il suo contadino in primo piano. E' presentato in cornice dorata di fine '800.

Noleggia

135,00€

Noleggia
Pierluigi Rolando
ARARCO0114351
Pierluigi Rolando

Citadel 2001

ARARCO0114351
Pierluigi Rolando

Citadel 2001

Scultura a tecnica mista: ferro, legno e fotografie. Designer di fama internazionale, Pierluigi Rolando, laureato in ingegneria tessile e affermatosi primariamente nell'industria tessile del cashmere nell'azienda di famiglia, crea capi da lui stesso definiti “sculture in cashmere modellate sul corpo umano”. All'inizio degli anni '70 passa al design con collezioni per lo sport attivo e contribuisce alla nascita della Fila. Nel tempo libero alterna interessi scultorei a interessi pittorici; inventa figure in polistirolo espanso e collages in legno, cartone e materiali vari. Ma la scultura è da sempre la sua grande passione: per quarant'anni l'arte è “vissuta istericamente nei ritagli di tempo", ma dal 1993 Rolando sceglie di dedicarsi interamente solo ad essa. Utilizzando materiali diversi come terracotta, ferro di recupero, legno, propone soggetti vari, con volti grotteschi dalle espressioni tese e sofferenti, mani forti e caricaturali, simboli di antiche ed eroiche gesta di un'epoca lontana, personaggi delle religioni e della mitologia. Il suo universo visionario è popolato da guerrieri, condottieri ed imperatori, cavalli-totem e creature immaginarie; la sua arte è suggestiva, fiabesca, incantata. La cittadella qui presentata, che ben esprime questa passione per la mescolanza di materiali molto diversi tra loro, è stata creata dopo il tragico crollo delle Torri gemelle di New York, nel settembre 2001: le due torri, simboli della modernità, si ergono ancora intatte all'interno di una lastra di metallo contorta e di degrado e disfacimento, realizzato attraverso una lastra di metallo contorta. La scultura è presentata in teca in plexiglas.

Noleggia

575,00€

Noleggia
Rodolfo Paoletti
ARARNO0120475
Rodolfo Paoletti

Scorcio Veneziano con Maschere

ARARNO0120475
Rodolfo Paoletti

Scorcio Veneziano con Maschere

Olio su compensato. Firmato in basso al centro. Scorcio di calle veneziana in prossimità dell'arco di ingresso ad un palazzo; sul ponticello a destra, alcune figure in costume settecentesco e in maschera. Nato e formatosi artisticamente a Venezia, da famiglia di artisti, Paoletti si trasferì successivamente a Milano, ove continuò la sua carriera dedicandosi, oltre che alla pittura, all'illustrazione di riviste. Il tema veneziano rimase peraltro ricorrente nella sua produzione pittorica: mantenendo il legame con la pittura vedutista veneziana di fine '800, Paoletti traduce in forme di colore e luce gli scorci della sua città. Il dipinto è presentato in cornice coeva.

Noleggia

275,00€

Noleggia
Scorcio della Darsena di Milano
ARARNO0116926
Scorcio della Darsena di Milano

ARARNO0116926
Scorcio della Darsena di Milano

Olio su tavola. Non firmato, il dipinto è uno scorcio brumoso e sfumato della Darsena di Milano, tutto giocato sui toni bruni e ocra. Piccole cadute di colore. In cornice in stile.

Noleggia

80,00€

Noleggia
Francesco Camarda
ARARNO0157720
Francesco Camarda

Carrozze

ARARNO0157720
Francesco Camarda

Carrozze

Olio su tavola. firmato in basso a destra. Al retro cartiglio della Bottega d'Arte Salvetti di Milano. Pittore palermitano, Francesco Camarda si distinse per la pittura di figura, dedicata ai ritratti e al nudo, e soprattutto per la pittura animalista, sulla scia della produzione verista dei fratelli Palizzi. Seppe esprimere una pittura dal colore vivace e fresco. In questo piccola tavola, il Camarda propone uno scorcio cittadino animato dalle carrozze da passeggio, vivaci e colorate. L'opera è presentata in cornice in stile.

Noleggia

113,00€

Noleggia
Aurelio Catti
ARARNO0159688
Aurelio Catti

Viale Parigino

ARARNO0159688
Aurelio Catti

Viale Parigino

Acquarello su carta. firmato in basso a destra. Aurelio Catti, palermitano figlio d'arte, compì i suoi studi a Milano, presso l'Accademia di Brera. Viaggiò molto, sia in Italia che in vari paesi europei, prima di tornare a Milano ove si affermò come pittore, e poi di nuovo in Sicilia, ove lavorò anche come restauratore. I suoi soggetti prediletti, resi sia tramite la tecnica ad olio che con l'acquarello, furono i paesaggi e gli scorci urbani, di tutte le città d'Italia e d'Europa che visitò, che raffigurò prevalentemente sotto la pioggia, d'autunno, popolati da numerose figurine in movimento, sulla scia del repertorio tardo-impressionista francese. L'acquarello qui presentato rientra in questa produzione, proponendo uno scorcio di un lungo Senna, animato da figurine, in una giornata autunnale. In cornice coeva.

Noleggia

75,00€

Noleggia
Acquaforte di Giuseppe Zocchi
ARARPI0148572
Acquaforte di Giuseppe Zocchi

Veduta della Badia Fiorentina

ARARPI0148572
Acquaforte di Giuseppe Zocchi

Veduta della Badia Fiorentina

Acquaforte acquarellata. In basso a sinistra la dicitura "Ios. Zocchi del.", a destra "Vincen. Franceschini Firenze". Si tratta di veduta tratta da "Scelta di XXIV Vedute delle principali contrade, piazze, chiese, e palazzi della Città di Firenze" , raccolta in 24 fogli incisi su disegni di Giuseppe Zocchi per conto del Marchese Andrea Gerini e pubblicata a Firenze in tre edizioni fra il 1744 ed il 1757. Quella eseguita da Vincenzo Franceschini corrisponde alla seconda edizione, pubblicata nel 1754. Tutta la produzione dello Zocchi, che ebbe un successo internazionale di grande rilievo, rappresenta un documento prezioso di immagini di architetture, giardini e campagne dell' Italia del secolo dei lumi, grazie all'accuratezza e precisione delle riproduzioni. La stampa è presentata in cornice.

Noleggia

58,00€

Noleggia
Rodolfo Paoletti
ARARNO0120887
Rodolfo Paoletti

Scorcio veneziano con Maschere e Ponte

ARARNO0120887
Rodolfo Paoletti

Scorcio veneziano con Maschere e Ponte

Olio su compensato. Firmato in basso a destra. Veduta di un ponte che sormonta un canale in mezzo alla vegetazione; sopra di esso delle figure in maschera, al di sotto transita una gondola. Nato e formatosi artisticamente a Venezia, da famiglia di artisti, Paoletti si trasferì successivamente a Milano, ove continuò la sua carriera dedicandosi, oltre che alla pittura, all'illustrazione di riviste. Il tema veneziano rimase peraltro ricorrente nella sua produzione pittorica: mantenendo il legame con la pittura vedutista veneziana di fine '800, Paoletti traduce in forme di colore e luce gli scorci della sua città. In cornice coeva.

Noleggia

160,00€

Noleggia
Giovanni Rossi
ARARNO0125220
Giovanni Rossi

Dalla mia Finestra (Saronno)

ARARNO0125220
Giovanni Rossi

Dalla mia Finestra (Saronno)

Affresco. Firmato in basso a destra. Al retro etichetta dell'artista con il titolo e la tecnica. Nato a Cantù (Co), Giovanni Rossi detto il Pittore è considerato saronnese d'adozione, poichè sin dagli anni '50 ha saputo rappresentare gli aspetti più veri della Saronno di un tempo. E' stato pittore, affreschista, decoratore. L'opera è uno scorcio della città di Saronno con il campanile della chiesa dei Santi Pietro e Paolo, visto dalla finestra dello studio dell'artista. In cornice.

Noleggia

50,00€

Noleggia
Leonardo Spreafico
ARARCO0160469
Leonardo Spreafico

Veduta 1974

ARARCO0160469
Leonardo Spreafico

Veduta 1974

Olio su tela. Firmato in basso a sinistra. Al retro dichiarazione di acquisto direttamente dal maestro con data 1974. Leonardo Spreafico, monzese, fece parte del gruppo artistico "Garibaldi 89", formatosi nel 1930, sodalizio di artisti milanesi e delle provincie limitrofe, che guardando alle avanguardie europee, contribuirono al rinnovamento della arte italiana. Pittore di paesaggi ma anche di figura, Spreafico grazie al suo vivo senso del colore, propone nelle sue opere una sognante allegoria della vita quotidiana, che diventa solare grazie all'utilizzo di tonalità e cromie inconsuete, ma sempre armoniche tra di loro. In cornice.

Noleggia

70,00€

Noleggia
Giovanni Riva
ARARNO0149575
Giovanni Riva

Scorcio Veneziano

ARARNO0149575
Giovanni Riva

Scorcio Veneziano

Olio su tela. Firmato in basso a destra. Pittore, scultore e ceramista, l'artista torinese Giovanni Riva partecipò a numerose rassegne e mostre nazionali, tra cui la Biennale di Venezia dwel1940 e 1942. Tra la sua produzione di ceramista si ricordano in particolare i volti di molte bambole Lenci. In pittura si dedicò soprattutto a scorci di Torino, Milano e Venezia, resi con grande spontaneità e immediatezza, oltre che a scene di genere. Lo studio sistematico dell'arte antica, l'adesione agli ideali rinascimentali della scultura di Donatello, Michelangelo e Giambologna spinsero Giovanni Riva verso l'adozione di un codice espressivo affine al gusto dell'Ottocento romantico, piuttosto che al dinamismo futurista o alle visioni surrealiste. Lo scorcio veneziano qui proposto è presentato in cornice in stile.

Noleggia

188,00€

Noleggia
Veduta dei Fori Imperiali di Roma
ARARPI0132735
Veduta dei Fori Imperiali di Roma

ARARPI0132735
Veduta dei Fori Imperiali di Roma

Olio su tela. L'ampia veduta dei Fori imperiali di Roma rientra nella vasta produzione vedutistica del periodo del Grand Tour, destinata ai ricchi aristocratici europei in viaggio per l'Europa - e in particolare in Italia, ove Roma era considerata meta obbligata -, che volevano un ricordo dei luoghi visitati. I Fori Imperiali romani sono un complesso architettonico composto da una serie di edifici e piazze monumentali, centro dell'attività politica di Roma antica, edificate in un periodo di circa 150 anni, tra il 46 a.C. e il 113 d.C. Nonostante gli ampliamenti, gli incendi, i restauri e le ricostruzioni, nel corso dell'Antichità i Fori Imperiali mantennero intatte sia la loro conformazione architettonica che la loro funzione. La loro distruzione quasi definitiva avvenne durante il Rinascimento per mano di Papa Giulio II (1503-1513), che sfruttò tutta l'area come cava di materiali da riutilizzare nel progetto di rinnovamento edilizio e artistico della città da lui avviato. A poco valsero le proteste di artisti di primo piano come Raffaello e Michelangelo. Nei secoli successivi furono intraprese varie campagne di scavo, con maggiore vigore a partire dal XIX secolo, ma l'area fu completamente scavata agli inizi del XX secolo e le architetture antiche furono quasi del tutto cancellate per fare spazio alla realizzazione di via dei Fori Imperiali, che collega Piazza Venezia con il Colosseo. Il Foro fu riscoperto a partire dal Cinquecento anche grazie ai pittori di vedute romane che in quel periodo amavano dipingere le rovine affioranti nell'area del pascolo. La veduta qui proposta presenta i Fori Imperiali prima degli scavi iniziati nell'Ottocento, quando appunto ancora non era stata realizzata la via che li attraversa tuttora: essi sono ancora circondati da una verde campagna e sullo sfondo si stagliano i colli romani. Restaurato e ritelato, il dipinto è presentato in cornice dell' 800 riadattata.

Contattaci

Contattaci
Rodolfo Paoletti
ARARNO0120471
Rodolfo Paoletti

Scorcio Veneziano con Maschere

ARARNO0120471
Rodolfo Paoletti

Scorcio Veneziano con Maschere

Olio su compensato. Firmato in basso a destra. Scorcio di abitazione veneziana, con l'accesso dal ponticello sulla calle, in prossimità del quale è ormeggiata una gondola; due figure di maschere veneziane stanno entrando nella casa. Nato e formatosi artisticamente a Venezia, da famiglia di artisti, Paoletti si trasferì successivamente a Milano, ove continuò la sua carriera dedicandosi, oltre che alla pittura, all'illustrazione di riviste. Il tema veneziano rimase peraltro ricorrente nella sua produzione pittorica: mantenendo il legame con la pittura vedutista veneziana di fine '800, Paoletti traduce in forme di colore e luce gli scorci della sua città. Il dipinto è presentato in cornice coeva.

Prenotato

non disponibile

Prenotato

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Ulteriori informazioni. OK